Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Un prodotto Angelini

Giochi da fare a casa durante l'influenza

Consigli e suggerimenti per rendere più leggere le giornate in casa in attesa di guarire: scopri come alternare nel modo giusto i momenti in cui giocare, mangiare e riposarsi.

Quando i bambini si ammalano bisogna organizzare il tempo in casa per più giorni.

Scopri cosa puoi fare dai nostri consigli.

Come organizzo la sua giornata (e la mia)?

Quando i bimbi si ammalano, appena riagganciato il telefono con il pediatra inizia a rimbalzare per la testa una sola domanda: e adesso cosa facciamo tutto il tempo in casa, magari per più giorni? Niente paura, con un po’ di organizzazione e un tocco di fantasia le giornate sembreranno più corte e divertenti per tutti: la febbre infatti ha diversi cicli di intensità durante il giorno, per cui l’importante è scegliere bene le varie attività da far svolgere al proprio bambino in ogni periodo della giornata. Scopri come alternare nel modo giusto i momenti in cui giocare, mangiare e riposarsi.

La mattina è il momento dello svago. Quali giochi scegliere?

Grazie alla naturale regolazione corporea, di mattina la febbre solitamente è più bassa ed è quindi il momento migliore per svolgere insieme al tuo bambino giochi e attività che lo impegnino un po’ di più, ma sempre senza richiedere troppo sforzo fisico. Inizia con giochi che richiedono più concentrazione e manualità, come disegnare, ritagliare e incollare della carta per decorare una scatola. Per far giocare il tuo bambino e capire indirettamente come si sente, puoi organizzare in camera sua il gioco dell’ammalato: fai finta che i suoi pupazzi siano influenzati come lui e aiutalo a prendersi cura di loro, misurando la febbre più volte al giorno, dando loro lo sciroppo e chiedendo come si sentono. Ricorda però che i bimbi malati hanno una soglia di attenzione più bassa del solito e tendono a stancarsi prima: nella parte finale della mattina passa ad attività che stimolano la sua creatività ma in modo più rilassante dal punto di vista fisico, come un puzzle o un memory.

SCARICA QUI IL MEMORY DA STAMPARE, COLORARE E GIOCARE

In attesa di guarire

È ora di pranzo ma l’appetito non si vede? Mangia giocando!

Febbre e raffreddore diminuiscono l’appetito e quando arriva l’ora di pranzo dar da mangiare ai bimbi malati è sempre difficile. Sfrutta l’occasione per trasformare il pranzo in un’esperienza nuova: organizza un pic-nic! Ti basta stendere una coperta sul divano o sul pavimento, preparare qualche “pietanza” diversa dal solito come dei bastoncini di frutta o un po’ di yogurt fresco, una bella cannuccia colorata per bere e il temuto pranzo diventerà un divertente pic nic in mezzo a un prato!

 

Con il gioco dell’ammalato puoi far divertire il tuo bambino e capire indirettamente come si sente: fai finta che i suoi pupazzi siano influenzati come lui e aiutalo a prendersi cura di loro.

 

C’è bisogno di una pausa? Un po’ di lettura e… tante coccole!

Quando sono malati, i bimbi hanno ancora più bisogno di essere coccolati e sentirsi protetti. Nel pomeriggio la temperatura corporea e con essa la febbre tende ad aumentare, quindi è bene rallentare un po’ il ritmo dei giochi e delle attività. Quando vedi che il tuo bimbo inizia a essere stanco prendilo in braccio, fagli scegliere il suo libro preferito e leggete insieme una storia.
E la tv? La scatola magica è una preziosa alleata e, nei momenti in cui la stanchezza si fa sentire, permetterà di riposarvi a entrambi. Ma ricorda, come avvisano gli psicologi dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, di guardarla sempre insieme al tuo bambino scegliendo cartoni animati o programmi da bambini e tenendo conto dell’età del bimbo.

SCARICA QUI IL MEMORY DA STAMPARE, COLORARE E GIOCARE

Altri Articoli da "In attesa di guarire"